Tappa Precedente
Tappa Successiva

Relive ‘ITA VRG 24 Ravenna-Forli’

lunedì 32° / 22 ° Cmartedì 31° / 23 ° Cmercoledì 33° / 25 ° C
Inizio Tappa RAVENNA
Arrivo Tappa FORLI’
 Lunghezza Tappa KM
30,2
Nazione del percorso Italy
Regione Emilia Romagna
Dislivello Salita
0 mt.
Dislivello Discesa
0 mt.
CAI (Diff. Escurs.) E
Percorribilità Foot
File (.KMZ)per seguire il cammino File .kmz
 File PDF   Download File
 Open Street Map su Outdooractive  Apri Mappa

RAVENNA è una città di 160.243 abitanti, capoluogo dell’omonima provincia in Emilia-Romagna e capitale mondiale del mosaico. E’ la città più grande e storicamente più importante della Romagna; il suo territorio comunale è il secondo in Italia per superficie, superato solo da quello di Roma e comprende nove lidi sul litorale adriatico. Ravenna, nella sua storia è stata capitale tre volte: dell’Impero Romano d’Occidente (402—476), del Regno degli Ostrogoti (493 – 553-Re Teodorico) e dell’Esarcato bizantino (568 – 751).Per le vestigia di questo luminoso passato, il complesso dei primi monumenti cristiani di Ravenna è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Mancano testimonianze archeologiche della fondazione di Ravenna. Le origini sono incerte. I primi insediamenti della zona furono opera di Tessali, Etruschi ed Umbri, successivamente sul suo territorio si insediarono anche i Galli Senoni, specialmente dal fiume Montone verso sud, comprendendo tutto l’Ager Decimanus, ovvero la campagna verso FORLI‘, il territorio cosiddetto delle Ville Unite, che non era un territorio lagunare rispetto alle zone a nord. L’abitato consisteva di palafitte distribuite su una serie di piccole isole situate all’interno della Valle Padusa, una situazione simile alla Venezia di secoli dopo. La caratteristica fondamentale di Ravenna per tutta l’antichità fu proprio quella di essere circondata dalle acque ed accessibile solo dal mare. Tale peculiarità non passò inosservata ai Romani, e l’imperatore Cesare Ottaviano Augusto dislocò qui la flotta militare dell’alto Adriatico. Per questo fine l’imperatore fece eseguire importanti lavori di sistemazione idraulica: fece scavare la Fossa Augustea, un canale che collegava il Po con l’ampio specchio di acqua a sud di Ravenna e qui fondò il porto di Classe  realizzato con i criteri di una poderosa macchina militare. Secondo Plinio il Vecchio, poteva contenere fino a 250 triremi e 10000 marinai o classari destinati al controllo di tutto il Mediterraneo orientale (Wikipedia). Il sito archeologico si trova a 4km dal centro storico di Ravenna, a poca distanza dalla Basilica di Santa Apollinare in Classe;  un’area archeologica che permette di immaginare la fisionomia dello scalo commerciale nel V-VI secolo, epoca di massimo splendore di Ravenna. Il percorso, sviluppato su una superficie di circa 10.000 metri quadrati, propone la lettura delle fondazioni dell’imboccatura del porto canale antico, degli edifici e delle strade, luoghi quotidianamente frequentati da coloro che lavoravano nei magazzini o arrivavano via mare attraccando al porto. Di forte emozione la strada basolata sulla quale si affacciavano i magazzini per il carico e scarico delle merci. Il porto è stato scoperto nel 1975.

Un’altra tappa lunga, ma ancora completamente pianeggiante, in un ambiente molto antropizzato. Visitata Ravenna, ritorniamo in Piazza Anita Garibaldi e riprendiamo il nostro cammino dall’angolo di Via Armando Diaz con Via Roma che seguiamo anche quando diventa Via Cesarea, Via Romea, poi Via Dismano ( SR 71, la strada che ritroveremo sul nostro tracciato in Toscana e in Umbria) fino al ponte (pista ciclabile) sui Fiumi Riuniti . Appena attraversato il ponte giriamo a destra, attraversiamo, con molta attenzione al traffico, e seguiamo l’argine destro del corso d’acqua, che costeggeremo  fino a Forlì. Ma prima di incamminarci sull’argine, potrebbe essere molto interessante arrivare alla rotonda e girare a sinistra: a 100m ci sono gli scavi archeologici di Classe; dalla rotonda poi, per la via Romea Sud, possiamo arriva a S. Apollinare in Classe (2,5km.): ne vale la pena.  Torniamo sull’argine. Ad  1, 5 km. assistiamo alla confluenza del fiume Montone con il Ronco, poi alla stessa distanza incontriamo l’Adriatica che attraverseremo utilizzando il sottopasso, dopo aver attraversato via Cella. La strada sull’argine è a traffico limitato per cui non avremo problemi: è asfaltata ma possiamo camminare lateralmente sull’erba. Siamo in una zona agricola di una certa rilevanza, costellata di vari centri abitati, il primo dei quali sul nostro cammino è Ghibullo, a destra, Gambellara e San Pietro in Vincoli a una certa distanza a sinistra. Continuiamo e raggiungiamo Coccolia, poi Borgo Sisa; possiamo continuare diritti (tracciato color arancio), attraversare Borgo Sisa, superare la A14, attraversare via Cervese, prendere a destra, scendendo, via Rustignoli Antonio,  ancora a destra  via Bondiola, a sinistra via Del Santo che porta al Santurario di Fornò, a destra via Bianco da Durazzo che seguiamo per 2,8km e arriviamo in via Costiera, dopo aver attraversato la via Mattei e la zona industriale; 1,8km e siamo davanti alla chiesa parrocchiale del Ronco; per arrivare al centro di Forlì (4,2km) seguiamo la pista ciclabile di via Roma (l’antica VIA EMILIA). Oppure, ed è il nostro consiglio,   prima di entrare a Borgo Sisa, seguiamo a destra la passerella in cemento che, all’altezza di Durazzanino, porta al di là del fiume, sulla via Ravegnana: attraversiamo con molta attenzione al traffico molto veloce e pesante; giriamo a destra, 100m poi a sinistra su via Oraziana, 900m e giriamo a destra poi subito a sinistra su via Zampeschi, 500m e al trivio giriamo a sinistra su via la Ridotta; 2,5km e passiamo sopra l’autostrada A14 e continuiamo per 2,4km su via Cavedalone; arriviamo in via Somalia, 300m a sinistra, poi a destra su via Tripoli che seguiamo per 800m fino a sottopassare la tangenziale; proseguiamo ancora su via Tripoli per 50m e attraversiamo via Gorizia; continuiamo su via Arfelli e arriviamo nel quartiere del Foro Boario, sulla via Ravegnana; giriamo a destra e in 500m, passando sotto la ferrovia, arriviamo al semaforo della circonvallazione. Attraversiamo e seguiamo corso Mazzini che in 600m ci conduce in Piazza Saffi, centro di Forlì

ATTENZIONE! Nelle zone umide della pianura dotatevi di prodotti antizanzare!

 vedi Guida di Simone Frignani e Download File PDF

In grassetto le strutture da noi già utilizzate
In rosso le strutture convenzionate (con Credenziale*)
(*) i prezzi potrebbero cambiare per situazioni particolari: si prega di prenotare per tempo e chiedere conferma

Come arrivare

aeroporto Bologna Marconi (www.bologna-airport.it) > navetta Bologna-FS = (www.tper.it); tel. +39-051-290290 TRENO – (www.trenitalia.com) Stazione FS Bologna – Faenza – Stazione FS Ravenna
aeroporto Verona-Catullo (www.aeroportoverona.it) > navetta Verona-FS = (www.atv.verona.it); tel. +39-045-8057811 TRENO – (www.trenitalia.com) Stazione FS Verona – Bologna – Faenza – Stazione FS Ravenna
aeroporto Milano-Orio al Serio (www.orioaeroporto.it) > navetta Bergamo-FS = (www.atb.bergamo.it); tel. +39-035-236026 TRENO – (www.trenitalia.com) Stazione FS Bergamo – Bologna – Faenza – Stazione FS Ravenna
aeroporto Venezia-MarcoPolo (www.veniceairport.it) > navetta Mestre -FS = (www.atvo.it); tel. +39-0421-594672 – Airport Shuttle Service: www.airservicepadova.it
Prenotazione Shuttle Service: padova.booking-on-line.com
TRENO – (www.trenitalia.com) Stazione FS Venezia-Mestre – Bologna – Faenza – Stazione FS Ravenna

Dove mangiare

  PIATTI TIPICI = Emiliaromagnaturismo
Conad Via Achille Grandi,2 – 48123 RAVENNA
Conad Via Cesarea/Serra – 48100 RAVENNA
Conad Viale Kennedy,28 – 48100 RAVENNA
Conad Via Romea Sud,45 – 48100 RAVENNA
Conad Via Farini,89 – 48100 SAN PIETRO IN VINCOLI-RA
Crai  Via Oriani, 2 – 48019 RAVENNA
Crai Via Cervese 5385 – 47023 FORLI’
D-Piu Via dei Poggi, 58 – 48100 RAVENNA 0544-471615
D-Piu Via A.Grandi,30 – 48100 RAVENNA 0544-453153
Eurospin Rotonda dei Goti, 1 – 48100 RAVENNA
Sigma Via Romea,120 – 48124 RAVENNA 0544-63691
Hotel Marta Via Cignani,11 – 47122 FORLI’ 0543-28288 info@hotelmartaforli.it www.hotelmartaforli.it
Hotel Gardenia via Mellini 7 – 47121 FORLI’ 0543-402144 / 331-2190318 info@gardeniahotel.eu www.gardeniahotel.eu

Dove dormire

Bike Service

Renova Via T.Baldoni,35 – 47122 FORLI’ 0543-416891 / 335-8333212
Baldoni Bike Shop Via G.P.Dandi,2 – 47121 FORLI’ 0543-473030 info@baldonibikeshop.com www.baldonibikeshop.com
Baldoni Augusto Via A.Cicognani,11/c – 47121 FORLI’ 0543-781780
Bravi Alberto Corso G.Garibaldi,.331 – 47122 FORLI’ 0543-21099
Dueruote Via Ravegnana,29 – 47122 FORLI’ 0543-25239/26216
Servadei Furio Cicli Piazza del Duomo,7 – 47122 FORLI’ 0543-26996

Assistenza

 VISIT – EMILIA-ROMAGNA www.emiliaromagnaturismo.it/it/vie-di-pellegrinaggio/via-romea-germanica
CAI Forlì V.le dell’Appennino 375 – 47121 – FORLI’ 338 7601333 info@caiforli.it www.caiforli.it
IAT Forlì P.tta della Misura, 5 – 47122 FORLI’ 0543-712435 iat@comune.forli.fc.it www.turismoforlivese.it
Morelli Marta – Guida Turistica 47122 FORLI’ 347-5573996 morelli-marta@libero.it
Lord Byron Tour Operator Piazza Almerici,4 – 47521 CESENA FC 392-7189559 giampaolobenelli@gmail.comgiada@byrontours.it www.byrontours.it

Foto dalla Tappa

Forlì

Forlimpopoli

Bertinoro