Trentino

58 – (ITA 10) – Levico Terme– Borgo Valsugana

Inizio Tappa LEVICO TERME
Arrivo Tappa BORGO VALSUGANA
 Lunghezza Tappa KM
14,6/20
Nazione del percorso Italy
Regione Trentino Alto Adige/Südtirol
Dislivello Salita
25 m/765 m
Dislivello Discesa
128 m/880 m
CAI (Diff. Escurs.) E
Percorribilità  Foot

 

Tappa 10 – Levico-Borgo Valsugana – La tappa è facile e seguirà la pista ciclabile del Brenta. Per chi ama l’arte legata all’ambiente, è consigliata la visita ad Arte Sella, raggiungibile dopo una lunga salita.        

Da Levico si segue la Via Regia (Via Claudia Augusta); attraversata  la provinciale si prende Via Cervia, fino alla pista ciclabile del Brenta. Dopo poco si può prendere una strada parallela, paesaggisticamente più interessante e senza traffico. Si passa davanti alla Chiesetta di San Silvestro, si va lungo la ferrovia per poi riprendere la ciclabile che attraversa il fiume e lo segue sulla sponda sinistra; poi ritorna sulla sponda destra; si entra in un bel bosco ; si sottopassa la ferrovia. Si entra nel centro di Borgo Valsugana in Piazza Alcide De Gasperi.

COLLEGAMENTO PER ARTE SELLA (ulteriori 6,5 km): scesi da Levico, si va verso la frazione di Barco. All’incrocio con la pista ciclabile, si attraversa il Brenta e si segue l’indicazione Località Rio Sella che si supera; inizia la salita in un paesaggio sempre più affascinante. Sono 4,5 km, ma in cima ci si aprirà un bellissimo paesaggio di foreste e prati, e si potranno visitare le opere di tanti artisti di tutto il mondo che hanno usato e usano esclusivamente materiali reperiti sul posto; a disposizione c’è anche un punto ristoro molto efficiente. Da Sella si torna  a Borgo Valsugana seguendo la strada, quasi sempre asfaltata ma senza traffico, con la possibilità di varie piccole deviazioni nel bosco per vedere le opere d’arte. 12,5 km e siamo a Borgo Valsugana. 

Punti di interesse

Via Claudia Augusta – Tiberio Claudio Augusto costruì la Via Claudia Augusta nel 47 d.C., che suo padre Druso aveva tracciato nel 15 d.C. dopo la conquista delle Alpi, dal fiume Po al fiume Danubio per una lunghezza di 350 miglia. Fu per lungo tempo la strada più importante delle Alpi. Essa univa l’estremo nord e il sud dell’Europa. Il percorso della porzione di strada che congiunge Trento con Burghöfe – Mertingen (Submuntorium) è individuato in modo sufficientemente preciso, salvo qualche dubbio nel territorio delle Alpi Bavaresi; è condiviso che il superamento del confine avvenisse in corrispondenza del Passo di Resia. Per quanto riguarda il tronco Padano sappiamo, anche grazie alla testimonianza della Tabula Peutingeriana, che questo collegava Ostiglia, Verona e Trento. Più discusso è il percorso che da Altino raggiungeva Trento passando per Feltre e la Valsugana. La prima ipotesi a essere stata formulata è quella del conte Aurelio Guarnieri Ottoni, secondo il quale la strada da Altino toccava Oderzo, Serravalle e Belluno, per poi piegare verso l’attuale Cesiomaggiore e infine Feltre. In Germania e Austria la Claudia Augusta è elemento portante di un business economico-turistico particolarmente florido che si propone di favorire lo sviluppo del turismo culturale. La pista ciclabile Claudia Augusta incomincia sul Danubio a sud della città di Donauwörth, poco distante da Mertingen. L’inizio del percorso è contrassegnato da una copia moderna di un miliario romano. A Rieden, nei pressi del Forggensee, si intravedono tracce della via romana appena visibili sotto i prati; la cittadina di Epfach, la romana Abodiacum, era sede di un presidio militare sulla Via Claudia Augusta.

Arte Sella – Esiste un luogo dove la natura si trasforma in arte. Ed esiste un tempo in cui poterla ammirare. Si tratta della manifestazione internazionale di arte contemporanea che la Val di Sella ospita dal 1986. Un’immensa esposizione a cielo aperto, lungo la strada forestale del versante sud del Monte Armentera (comune di Borgo Valsugana), di vere e proprie opere d’arte realizzate con sassi, foglie, rami e tronchi. Arte Sella, con il percorso denominato ArteNatura, non vuole essere una semplice esposizione bensì un processo creativo in cui l’opera di ogni artista prende forma giorno per giorno sul luogo, cogliendo dalla natura stessa materiali e ispirazioni. Da pochi anni le attività della manifestazione si estendono anche a Malga Costa, in una cornice ancora più insolita e suggestiva, sede di diversi laboratori creativi. Al termine di Arte Sella molte opere trovano nuova casa nei musei o nelle gallerie d’arte, mentre altre vengono lasciate sul luogo a integrarsi completamente con la vegetazione circostante. L’esempio più noto al pubblico è la stupenda Cattedrale Vegetale, divenuta icona della manifestazione. La sua maestosità e bellezza resta visibile in ogni stagione: coperta di neve è uno spettacolo ancora più suggestivo. Arte Sella non è solo esposizione, ma piazza di grandi eventi. Da aprile a ottobre la natura e non solo diventano teatro di importanti appuntamenti con l’arte: dalle mostre ai racconti, fino ai meravigliosi concerti a cielo aperto, la Val di Sella diventa custode di emozioni uniche. Arte Sella è parte della rete dei Grandi Giardini Italiani, insieme al Parco delle Terme di Levico.

Borgo Valsugana
Il centro di Borgo Valsugana – Ausugum per i Romani – è tagliato e modellato dal fiume Brenta: a ogni angolo scorci deliziosi e architetture di pregio, molte dal sapore già veneto. La passeggiata nel centro di Borgo Valsugana lungo Corso Ausugum è fra portali barocchi e botteghe ricche di prodotti tipici. Oltre all’imponente Castel Telvana che sovrasta il paese, sono da vedere le Chiese di San Francesco, San Rocco e Sant’Anna, Palazzo Ceschi, il ponte veneziano sul Brenta, la Fucina Tognolli alimentata ad acqua, la Sala Alcide De Gasperi, il Museo della Grande Guerra e lo Spazio Klien. Tutta la vallata è servita dalla spettacolare ferrovia della Valsugana, che collega Venezia a Trento via Bassano del Grappa, ed è percorsa anche da una bella pista ciclabile lungo il Brenta.

Guida Ufficiale della Via Romea Germanica (www.guidaromea.eu)

 

In grassetto le strutture da noi già utilizzate
In rosso le strutture convenzionate (con Credenziale*)
(*) i prezzi potrebbero cambiare per situazioni particolari: si prega di prenotare per tempo e chiedere conferma
In alcune località è difficile trovare alloggio per una sola notte: si suggerisce di prendere alloggio per più notti, utilizzando, per gli spostamenti, i comodi ed economici treni locali, linea Brennero-Trento-Bassano del Grappa.

Come arrivare

Da aeroporto (BOLOGNA, VENEZIA, MILANO-ORIO, VERONA) a Stazione FS Padova  TRENO – (www.trenitalia.com) Stazione FS Padova – Stazione FS Borgo; Stazione FS Trento – Stazione FS Borgo  –  (https://www.virail.it/treni-trento-borgo_valsugana) Linea Valsugana -Trento  

Dove mangiare

Dove dormire

Bike Service

Assistenza

Foto dalla Tappa

Visit-Trentino
Borgo Valsugana

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *